durata-infissi-in-pvc

Durata degli infissi in PVC: quali sono i più resistenti?

Gli infissi rappresentano un investimento a lungo termine, uno di quegli elementi strutturali della casa destinati a durare nel tempo. Se scelti con attenzione, puntando sulla qualità dei materiali, optando per la soluzione più idonea al proprio contesto climatico e praticando una corretta e costante manutenzione, possono essere (potenzialmente) indistruttibili.

È vero che gli infissi sono tra gli elementi strutturali più esposti agli agenti atmosferici, ma è altrettanto vero che la loro struttura viene progettata e realizzata appositamente per resistere al contatto prolungato e continuativo con ogni genere di aggressione esterna. Già da diversi anni, per la realizzazione delle finestre, vengono impiegate tecnologie di rinforzo strutturale e vengono utilizzati i materiali più resistenti e affidabili in termini di resa nel tempo.

Ciascuno dei tanti “nemici” che i serramenti sono chiamati a fronteggiare – agenti atmosferici, temperature proibitive, umidità, acqua, possibile formazione di condensa, sporco, corrosione da smog e inquinamento – può essere efficacemente contrastato con i migliori infissi in PVC presenti ad oggi sul mercato.

Di seguito, approfondiremo le caratteristiche che rendono gli infissi in PVC così resistenti a urti, agenti atmosferici e usura, e quindi così duraturi.

Quanto dura una finestra in PVC?

Difficile stabilire la vita media di una finestra in PVC. Sono tanti (e variabili) i fattori che concorrono a determinare, in un verso o nell’altro, la vita media di un infisso in PVC. Pertanto, non è possibile stabilire con certezza assoluta quale sarà la durata degli infissi in PVC.

Ciò che invece possiamo affermare con ragionevole certezza è che il PVC non solo è tra i materiali più resistenti agli agenti atmosferici, ma è anche quello che può garantire maggiore adattabilità alle escursioni termiche e alle temperature proibitive. Il PVC è impermeabile e autoestinguente: non teme ambienti umidi e piovosi e neanche temperature bollenti e siccità.

Oltre a essere resistente, il PVC è resiliente, ossia è capace di adattarsi alle diverse condizioni climatiche, comprese le più estreme. Questa caratteristica gli conferisce maggiori probabilità di rimanere integro a fronte delle avversità. In altri termini, le finestre in PVC sono forti e resilienti e, di conseguenza, longeve!

Pertanto, tornando alla domanda iniziale – quanto durano gli infissi in PVC? – potremmo ipotizzare una durata fino a 30/35 anni, basandoci su parametri nella media in termini di utilizzo, clima e manutenzione. Ad eccezione della normale usura del tempo, le finestre in PVC sono infatti così robuste e resistenti da non perdere durante gli anni le proprie eccellenti proprietà termoisolanti.

Durata dei serramenti: fattori che accorciano la vita alle finestre

Diamo uno sguardo ai principali aspetti che possono compromettere il buon funzionamento degli infissi in PVC, legno e alluminio, con conseguente deterioramento della loro capacità di isolare e proteggere da agenti esterni e da intrusione di terzi.

Infiltrazioni e umidità

Uno dei motivi per cui si potrebbe rendere necessaria anzitempo la sostituzione degli infissi è legato al fattore acqua: infiltrazioni, condensa e muffa sono alcuni dei problemi in cui può incorrere una finestra non sufficientemente resistente all’acqua. Questo tipo di infissi, a lungo andare, può permettere all’umidità di penetrare in casa, manifestandosi attraverso muffa sui muri e/o condensa, a discapito della salubrità degli ambienti.

durata infissi in pvc

Materiale non idoneo al contesto climatico

I materiali non presentano tutti la stessa resistenza, né le stesse caratteristiche fisico-meccaniche, in termini di conducibilità termica e potere termoisolante. La scelta del materiale andrebbe dunque ponderata tenendo conto del contesto climatico in cui è inserita l’abitazione. In altri termini, la vita degli infissi può allungarsi o accorciarsi in base al grado di idoneità di ciascun materiale ad un determinato contesto climatico.

Facciamo un esempio. Se abitiamo in una zona con clima relativamente mite e precipitazioni nella norma, potremmo optare indifferentemente per moderne finestre in legno, PVC o alluminio a taglio termico. Ognuno di questi infissi, inserito nell’ambito di un clima “normale”, può garantire più o meno la stessa durata nel tempo. A parte i diversi costi a seconda dei materiali, l’unica discriminante in questo senso è che le finestre in legno, affinché non perdano negli anni efficacia e potere termoisolante, devono essere sottoposte ad una costante e specifica manutenzione.

Le cose cambiano se nel luogo in cui viviamo le temperature sono particolarmente alte o particolarmente basse. In questo caso, per non dover incorrere in una prematura sostituzione degli infissi, potrebbe essere preferibile scegliere materiali e guarnizioni più idonei a resistere a condizioni climatiche proibitive.

Le finestre in PVC di WnD, ad esempio, sono realizzate con guarnizioni in elastomero termoplastico, materiale di ultima generazione ad altissime proprietà isolanti, che si mantiene elastico anche a temperature “impossibili”, dai -50° ai +120°!

Scarsa o non idonea manutenzione

Se una corretta manutenzione del serramento può prevenire il deterioramento causato dagli agenti atmosferici e dall’inquinamento, una scarsa o assente manutenzione si traduce in maggiori rischi di alterazioni della struttura, del potere isolante, del sistema di chiusura, o in veri e propri danneggiamenti. Tutto questo porta inevitabilmente ad accorciare la vita dell’infisso.

Conservare gli infissi in buona salute a lungo nel tempo è anche garanzia di risparmio energetico. Un infisso in PVC di nuova generazione, utilizzato e mantenuto in modo idoneo, è capace di conservare pressoché inalterate negli anni le proprie proprietà termoisolanti, minimizzando le dispersioni termiche e garantendo alti livelli di efficienza energetica.

Il PVC è un materiale che necessita di pochissima manutenzione, in quanto la sua superficie impermeabile non trattiene lo sporco ed è resistente a qualsiasi contesto climatico. La manutenzione, seppur minima e di base, può comunque servire ad allungare ulteriormente la durata degli infissi in PVC.

Il legno invece, necessita di una maggiore manutenzione ordinaria e straordinaria, in quanto è un materiale più delicato (e più pregiato) del PVC o dell’alluminio. Per mantenerle funzionanti ed efficienti, le finestre in legno devono essere periodicamente sverniciate e riverniciate, nonché curate con specifici trattamenti protettivi e isolanti. Ne consegue un notevole dispendio di tempo, energie e soldi. D’altronde, è il “prezzo” da pagare per far durare più a lungo gli eleganti infissi in legno.

aluskin-finestra-pvc-esterno-piscina-outdoor
Finestre Aluskin WnD

Infissi in PVC: quali sono i più resistenti?

Resistenza e longevità sono due caratteristiche peculiari delle finestre in PVC. La prima determina la seconda: più un infisso è in grado di resistere a intemperie, inquinamento, pioggia e raggi UV, più sarà capace di durare e mantenersi sano nel tempo. In questo senso, sono le caratteristiche stesse del PVC a rappresentare garanzia di resistenza, rendimento, performance e durata nel tempo.

Non a caso, la produzione di infissi in PVC è aumentata in maniera considerevole negli ultimi anni. Questo incremento è stato possibile anche grazie ad aziende specializzate che, oltre a garantire prodotti ad altissimi standard qualitativi e con caratteristiche orientate al risparmio energetico, hanno saputo colmare il gap estetico con gli infissi in legno e in alluminio. Oggi, infatti, gli infissi in PVC presentano un design curato ed elegante, personalizzabile in tantissime varianti di effetti, finiture e colori. Di fatto, le finestre in PVC di nuova generazione non hanno nulla da invidiare alle altre tipologie di infisso.

I serramenti in PVC vengono spesso scelti per la loro resistenza, per l’alto grado di isolamento termoacustico, per l’ottimo rapporto qualità-prezzo e perché capaci di durare a lungo senza deformarsi, imbarcarsi o cedere a spifferi e infiltrazioni.

Cosa ha di tanto speciale il PVC?

In parte lo abbiamo già accennato. Il fatto di essere un materiale completamente impermeabile rende il PVC idoneo ad essere esposto anche a contesti climatici caratterizzati da frequenti piogge, umidità e gelo.

La superficie di un infisso in PVC non assorbe neanche sporco ed inquinamento, che, letteralmente, gli scivolano addosso. La pulizia è molto semplice e veloce, la manutenzione è ridotta al minimo.

Gli infissi in PVC più resistenti sono quelli realizzati con sofisticati sistemi di chiusura ermetica e con speciali guarnizioni termoisolanti, in grado di scongiurare condensa, umidità, infiltrazioni d’acqua e formazione di muffa. Minimizzando rischi di questo tipo, per gli infissi in PVC le probabilità di una vita lunga e in salute aumentano decisamente.

Robustezza e solidità degli infissi sono garantite anche dall’utilizzo di sistemi di rinforzo strutturale in acciaio galvanizzato, di spessore variabile, e dalla possibilità di dotare le finestre di sistemi antieffrazione aggiuntivi.

Sistemi oscuranti per allungare la vita agli infissi

Gli infissi durano molto più a lungo se a proteggerli ci sono degli adeguati sistemi oscuranti, che rappresentano un’efficace barriera protettiva contro agenti atmosferici, inquinamento, sporco e usura.

Questi accessori, concepiti con lo scopo di ombreggiare/oscurare gli ambienti e di proteggere da occhi indiscreti, di fatto funzionano efficacemente anche come guscio protettivo delle finestre.

Il loro compito, dunque, è sia quello di potenziare l’isolamento termico degli infissi, schermando i raggi del sole e le temperature sottozero, mantenendo di fatto la temperatura ideale in casa tutto l’anno, sia quello di fare da scudo alle finestre. Da chiusi, infatti, alcuni sistemi oscuranti (tapparelle, persiane, cassonetti monoblocco, ecc.) preservano le finestre dall’aggressione diretta della pioggia, del vento, dell’inquinamento e di qualsiasi altro agente esterno.

Cassonetto monoblocco in PVC WnD

Durata degli infissi in PVC: conclusioni

In questo articolo, abbiamo visto come il PVC sia uno dei materiali più resistenti agli agenti atmosferici e alle temperature proibitive. Caratteristiche che candidano le finestre in PVC al primato di resa e durata nel tempo. Anche le finestre in legno o alluminio hanno ottime caratteristiche di resistenza agli agenti atmosferici e buoni parametri di isolamento termico.

Le finestre in legno, però, necessitano di una costante manutenzione per mantenersi integre e perfettamente funzionanti. Inoltre, gli infissi in legno sono meno adatti di quelli in PVC e alluminio a taglio termico a resistere in contesti climatici particolarmente problematici. Se l’obiettivo è quello di far vivere gli infissi più a lungo possibile, in contesti di questo genere sarebbe meglio preferire materiali a ridotta manutenzione e più resistenti in condizioni climatiche proibitive.

Gli infissi in PVC, se correttamente mantenuti, possono durare 30/35 anni anche in aree climatiche difficili, proprio perché resilienti e capaci di adattarsi ai cambiamenti e alle avversità. Rispetto ad infissi in alluminio parimenti performanti, quelli in PVC hanno un costo decisamente inferiore e questo è un indubbio vantaggio che può far propendere per la scelta di finestre di questo tipo.

Infine, abbiamo visto come la resa nel tempo e la durata degli infissi in PVC non dipenda solo da un corretto utilizzo, dall’installazione di sistemi oscuranti e da una adeguata manutenzione. Alcuni fattori, come i sistemi di rinforzo strutturale, possono aumentare la resistenza degli infissi in PVC e, di conseguenza, allungare ulteriormente la vita dei serramenti.

L’equazione è sempre la stessa: infissi più resistenti = infissi più duraturi!

Vuoi porte e finestre durature e performanti?

Condividi questo articolo su

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Potrebbero interessarti anche

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>