Risparmiare per ristrutturare casa con l'Ecobonus

Ecobonus 2020 e infissi: dal superbonus al 110% allo sconto in fattura del 50%

Quando si programmano lavori di ristrutturazione e/o interventi di riqualificazione energetica per la propria abitazione è importante conoscere tutte le opportunità di risparmio offerte dagli incentivi fiscali.

Tali agevolazioni permettono di abbattere il computo della spesa inizialmente preventivata e utilizzare la somma risparmiata per operare in maniera mirata e approfondita sui problemi più urgenti presenti sull’edificio.

Ad esempio, se l’aspetto da migliorare è l’efficienza energetica della struttura abitativa, le detrazioni e i bonus fiscali rappresentano un’ottima opportunità per risparmiare su una serie di interventi necessari a:

  • innalzare il livello di isolamento termico dell’involucro della casa
  • limitare le dispersioni termiche
  • prevenire l’eccesso di umidità e la formazione di muffa
  • ottimizzare i consumi energetici per risparmiare sulle bollette in modo tangibile e duraturo

In questo articolo approfondiremo le novità confermate dal Decreto Attuativo congiunto Mise, MEF, MIT e Ambiente, con particolare attenzione allo sconto 50% immediato in fattura sull’acquisto di nuovi infissi a risparmio energetico.
Il decreto ha confermato anche le detrazioni Ecobonus al 110% su alcuni interventi “trainanti” di ristrutturazione edilizia, sebbene abbia posto diversi vincoli e condizioni per richiedere e ottenere l’agevolazione.

Ecobonus 2020 infissi: cosa bisogna sapere per risparmiare sull’acquisto dei nuovi serramenti di casa

Il Decreto Rilancio 2020, entrato in vigore il 1° luglio 2020 per favorire la ripresa economica del settore edilizio e per aiutare contribuenti e imprese a superare le difficoltà incontrate durante l’emergenza Covid-19, riserva grande importanza agli interventi di ristrutturazione mirati alla riqualificazione energetica degli edifici, per i quali prevede la possibilità di usufruire di detrazioni Ecobonus al 110% (alle condizioni che andremo ad elencare tra poco) o di approfittare del ritorno dell’opzione Cessione Credito Ecobonus e relativo sconto immediato in fattura, che tanto successo aveva riscosso nel 2019.

Prima di approfondire gli aspetti riguardanti lo sconto immediato in fattura sull’acquisto di nuovi infissi a risparmio energetico, vediamo qui di seguito i requisiti per usufruire dell’Ecobonus 110% e le condizioni stabilite dalla normativa per l’ottenimento del Superbonus.

Il Superbonus prevede che i contribuenti possano usufruire di un credito d’imposta del 110%, suddiviso in 5 quote annuali di pari importo, per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per i seguenti lavori primari di ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica degli edifici.

  • Cappotto termico

    È possibile portare in detrazione la spesa a condizione che i lavori interessino più del 25% della superficie lorda dell’edificio, o dell’unità immobiliare situata all’interno di edifici plurifamiliari che sia funzionalmente indipendente e disponga di uno o più accessi autonomi dall’esterno.
    L’ottenimento del bonus è vincolato anche ad un’altra condizione: i materiali isolanti utilizzati devono rispettare i criteri ambientali minimi di cui al decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 ottobre 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 259 del 6 novembre 2017.

  • Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale

    • Per le parti comuni degli edifici: sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A; o con impianti a pompa di calore, ivi compresi gli impianti ibridi o geotermici ovvero anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici con impianti di microcogenerazione o a collettori solari, nonché, esclusivamente per determinati comuni montani l’allaccio a sistemi di teleriscaldamento efficiente.

    • Per gli edifici unifamiliari o unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno: sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A; o con impianti a pompa di calore, ivi compresi gli impianti ibridi o geotermici ovvero impianti di microcogenerazione o a collettori solari; nonché, esclusivamente per determinati comuni montani, l’allaccio a sistemi di teleriscaldamento efficiente.

C’è anche un’altra condizione che regola l’accesso al Superbonus 110%: gli interventi rubricati dal Decreto Rilancio, oltre al rispetto dei requisiti tecnici minimi indicati dalla legge, devono assicurare il miglioramento di almeno 2 classi energetiche dell’edificio o, in alternativa, il conseguimento della classe energetica più alta. Il testo sottolinea che la variazione di classe energetica va dimostrata «mediante l’attestato di prestazione energetica (Ape), rilasciato da tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata».

Chi intende sostituire soltanto le vecchie finestre con serramenti in PVC ad alta efficienza energetica, senza quindi effettuare interventi condominiali primari, può beneficiare di una strada più agevole, immediata e conveniente: l’opzione dello sconto diretto del 50% in fattura.

Sconto immediato 50% sull’acquisto dei nuovi serramenti di casa

La sostituzione di vecchie finestre malandate e piene di spifferi con infissi di nuova generazione a chiusura ermetica ed elevato grado di isolamento termoacustico è un passaggio fondamentale nell’ottica di ristrutturare casa per ottimizzare il risparmio energetico.

Per alleggerire la bolletta ed evitare la formazione di condensa e altri fenomeni deleteri per la salubrità degli ambienti domestici è infatti fondamentale minimizzare le dispersioni energetiche.

Sappiamo che la maggior parte di esse si verificano proprio a causa di porte e finestre vecchie/inadeguate oppure realizzate in materiali ad elevato valore di conducibilità termica.

Ad esempio, l’alluminio, con un valore di 210 W/mK, è un conduttore termico naturale. Ciò significa che per essere impiegato efficacemente nella realizzazione dei serramenti, l’alluminio deve essere sottoposto ad un trattamento chiamato taglio termico, che consente di abbassare i livelli di conducibilità del materiale e di rendere gli infissi stessi capaci di isolare dagli agenti atmosferici e dai raggi UV.

Il PVC, invece, grazie ai suoi bassi valori di trasmittanza, è un naturale isolante termico ed è considerato il materiale d’eccellenza per la realizzazione di serramenti a risparmio energetico.

Pertanto, se stai pensando di disfarti delle vecchie finestre (principali responsabili dell’aumento dei consumi e del peggioramento della qualità della vita in casa) per acquistare i migliori infissi in PVC presenti sul mercato, è importante rivolgersi solo ad aziende specializzate come WnD e cogliere l’opportunità unica di acquistare i nuovi infissi a metà prezzo grazie all’opzione Cessione Credito Ecobonus.

Porta traslante scorrevole PSK di WnD

Sconto 50% in fattura: acquista i nuovi infissi a metà prezzo!

Se per ottenere la detrazione fiscale del 110% è necessario che la spesa per l’acquisto dei nuovi serramenti in PVC sia sostenuta contestualmente ad almeno uno degli interventi primari previsti dalla norma (cappotto termico e/o sostituzione degli impianti di riscaldamento/climatizzazione esistenti), per usufruire dell’opzione “Cessione Credito Ecobonus/Sconto in fattura”, introdotta già nel 2019, il contribuente non è soggetto al vincolo di portare avanti anche gli altri interventi, ma può limitarsi al solo acquisto delle nuove finestre.

Ad oggi, dunque, la strada dello sconto in fattura è la più conveniente per i contribuenti che intendono procedere solo con l’acquisto di nuovi infissi.  

I vantaggi di ricorrere al contributo sotto forma di  cessione del credito Ecobonus e sconto immediato del 50% in fattura da parte del fornitore/rivenditore di infissi (in luogo della detrazione del 110%) sono principalmente due.

Il primo ha a che fare appunto con la condizione dettata dal testo di legge, ossia l’obbligo di associare l’acquisto dei nuovi infissi ad almeno un altro intervento di ristrutturazione primaria previsto dal decreto stesso. Tale condizione, che di fatto rappresenta un forte limite al beneficio della maxi-detrazione, può essere aggirato proprio grazie alla possibilità di cedere il Superbonus e usufruire dello sconto immediato in fattura.

Il secondo vantaggio riguarda in modo più diretto il “nocciolo” dell’agevolazione: con l’opzione dello sconto immediato in fattura, il contribuente, anziché spalmare la detrazione in 5 anni, riesce a recuperare in tempo reale il 50% della spesa portando a casa serramenti performanti di ottima qualità a metà prezzo!

 

Sconto 50% in fattura infissi: correttivi al voto della Commissione

La Commissione Bilancio della Camera ha voluto fare alcune precisazioni riguardo la cessione dei crediti d’imposta legati alle ristrutturazioni, agli interventi di efficientamento energetico e ai cosiddetti bonus Covid-19.

In particolare, ecco i correttivi in fase di valutazione:

  • tax credit pari alla detrazione originariamente spettante a prescindere dallo sconto applicato
  • sconto in fattura non necessariamente legato ad un solo fornitore, ma applicabile da più fornitori che concorrono ai lavori
  • l’opzione per la cessione del credito e lo sconto in fattura può avvenire anche in fase di avanzamento lavori e nel limite di due volte; inoltre, può essere effettuata anche attraverso un intermediario
  • eliminazione del limite alle compensazioni per l’utilizzo dei crediti ceduti in caso di debiti iscritti a ruolo superiori a 1.500 euro

Come risparmiare sull’acquisto degli infissi con maxi-detrazioni e sconto in fattura: conclusioni

L’emergenza Coronavirus ha fortemente danneggiato l’economia globale: le conseguenze del crollo economico si sono riversate a macchia d’olio su tutti i settori commerciali, compreso quello edilizio. Per venire incontro alle aziende del settore, alle imprese edili, ma anche ai cittadini alle prese con l’avvio di lavori di ristrutturazione/riqualificazione energetica non procrastinabili, lo Stato ha messo a disposizione un nuovo utilissimo strumento fiscale: il Decreto Rilancio 2020.

Sebbene siano al vaglio della Commissione di Bilancio alcune modifiche al testo del Decreto, ad oggi l’Ecobonus 2020 infissi prevede l’applicazione per gli aventi diritto di due tipi di agevolazioni fiscali per le spese sostenute per l’acquisto di serramenti a risparmio energetico nel periodo compreso tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021:

  • Maxi-detrazione del 110% della spesa sostenuta per l’acquisto di nuovi infissi: tale agevolazione è applicabile solo a patto che l’acquisto dei serramenti sia associato almeno ad un altro intervento di ristrutturazione e riqualificazione edilizia primaria tra quelli previsti dal nuovo decreto e che l’installazione degli infissi contribuisca ad innalzare di due livelli la classe energetica dell’edificio.
  • Opzione Cessione Credito Ecobonus/Sconto in fattura: in luogo del Superbonus 110%, il contribuente che intende sostituire i vecchi infissi con nuovi e performanti serramenti in PVC, senza però intervenire sull’abitazione con altri lavori di ristrutturazione, può decidere di cedere il proprio credito Ecobonus o beneficiare di uno sconto immediato del 50% in fattura.

In altri termini, l’Ecobonus 110% consente di acquistare gratis i nuovi infissi di casa congiuntamente ad almeno un intervento primario di ristrutturazione, detraendo la spesa in 5 anni tramite la dichiarazione dei redditi; la Cessione del Credito Ecobonus e lo sconto immediato in fattura permettono ai contribuenti di ottenere un risparmio concreto, dimezzando subito il costo di acquisto delle nuove finestre anche senza sostenere interventi primari di efficientamento energetico del condominio/abitazione.

Sebbene entrambe le opzioni siano molto vantaggiose, la strada dello sconto 50% immediato sull’acquisto di nuovi infissi appare come la più semplice da percorrere, non fosse altro perché per ottenere l’aliquota agevolata del 110% è necessario, contestualmente alla sostituzione dei serramenti, attuare almeno un intervento primario di ristrutturazione, mentre tale vincolo non sussiste nell’opzione dello sconto 50%.  

In sostanza, i contribuenti che intendono sostituire i serramenti, senza mettere mano agli altri interventi trainanti, possono approfittare della vantaggiosa iniziativa dello Stato e acquistare i nuovi serramenti di casa ancora a metà prezzo  fino al 31 dicembre 2021.

Installare in casa serramenti in PVC di nuova generazione significa infatti incrementare l’efficienza energetica dell’abitazione, dare un contributo alla salvaguardia del pianeta, migliorare la salubrità degli ambienti domestici e tagliare i costi della bolletta energetica.

Vuoi sapere quanto puoi risparmiare?

Condividi questo articolo su

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Potrebbero interessarti anche

Vantaggi di finestre in pvc e alluminio

Finestre in PVC e alluminio: tutti i vantaggi di Aluskin

Il design delle finestre in PVC e alluminio Aluskin è perfetto per chi desidera regalare alla propria casa una soluzione d’arredo per nulla scontata: la parte interna in PVC garantisce eccellenti performance di isolamento termoacustico, mentre l’esterno in alluminio, rafforza solidità e resistenza dei serramenti e nello stesso tempo conferisce loro un carattere più moderno, deciso e accattivante.

Leggi tutto »
Porte in PVC. Tutto quello che c'è da sapere per scegliere le migliori

Porte in PVC: tutto quello che c’è da sapere per scegliere le migliori

Installare infissi ad elevata efficienza energetica, realizzati con i migliori materiali isolanti e con le tecnologie più innovative, significa innalzare il grado di sicurezza, migliorare la qualità della vita in casa e ottenere un tangibile risparmio in bolletta.
Inoltre, finestre, porte finestre e portoncini esterni incidono molto sull’estetica degli ambienti, risultando elementi decisivi per definire lo stile della casa.

Leggi tutto »

0 thoughts on “Ecobonus 2020 e infissi: dal superbonus al 110% allo sconto in fattura del 50%

  • Stefano Bossolesi says:

    Sono interessato ad un preventivo per sostituzione di tutti i serramenti purché con sconto in fattura del 100% . Informo che tale intervento si potrà abbinare ad uno trainante già pianificato secondo il decreto rilancio.

  • Buongiorno sono interessato a ricevere un preventivo per la sostituzione totale di tutti i serramenti e anche delle persiane esterne abitando la magari alla sostituzione della caldaia con una ad alta efficienza nella mia casa singola chiedo cortesemente un contatto

Leave a Reply to WnD Cancel Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>