Finestre in PVCRisparmio Energetico

Le novità del Decreto Semplificazioni per il Superbonus 110%

By 8 Ottobre 2021Nessun commento
Decreto semplificazioni e ristrutturazione

Grazie al Decreto Semplificazioni del luglio 2021 accedere alle agevolazioni previste dal Superbonus al 110% diventa decisamente più semplice!

Un vantaggio non da poco, dal momento che il Governo ha appena confermato la proroga del Superbonus 110 al 2023.

Il Decreto Semplificazioni, infatti, ha introdotto alcune importanti novità che riguardano l’incentivo statale previsto per tutti quegli interventi che hanno come obiettivo il miglioramento energetico o la riduzione del rischio sismico degli immobili.

Ma in cosa consiste il Superbonus 110%? In breve: se hai effettuato specifici interventi in ambito di efficienza energetica dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022, con proroga al 31 dicembre 2023 a particolare condizioni, hai diritto ad un credito d’imposta pari al 110% delle spese sostenute.

In alternativa alla detrazione, puoi richiedere lo sconto immediato in fattura o optare per la cessione del credito.

Acquistare nuovi infissi, dunque, non è mai stato così facile e conveniente, ma quali sono le novità introdotte dal Decreto Semplificazioni?

Vediamole di seguito. In questo articolo in particolare approfondiremo:

Iniziamo!

Cosa prevede il Decreto Semplificazioni 2021?

Tra i maggiori temi d’interesse del Decreto Semplificazioni, convertito nella legge 108/2021, ci sono sicuramente le modifiche apportate al Superbonus 110%.

In particolare, è stato stabilito che dal 1° giugno 2021 gli interventi che possono beneficiare del Superbonus del 110% rappresentano una manutenzione straordinaria, fatta eccezione per i lavori di demolizione e ricostruzione.

Questo significa che basta presentare al Comune la CILA, ossia la comunicazione di inizio lavori asseverata, senza la verifica di conformità degli immobili.

Cosa cambia con il Superbonus 110?

Di fatto è stata ampliata la platea delle persone che possono accedere alle agevolazioni, sono state snellite le procedure burocratiche necessarie per richiedere il Bonus e sono stati ridotti i tempi legati alla verifica dello stato di legittimità dell’edificio.

Le semplificazioni in particolare riguardano:

  • La comunicazione di inizio dei lavori CILA (o meglio CILAS, da CILA SUPERBONUS)
  • L’estensione dei benefici del Superbonus 110 alle categorie catastali B/1, B/2 e D/4 ossia alle organizzazioni lucrative di utilità sociale
  • Gli interventi di rimozione delle barriere architettoniche che ora rientrano tra gli interventi trainati del Superbonus 110 anche per i soggetti di età superiore ai 65 anni
  • Le deroghe relative alle distanze del cappotto termico
  • Il termine per stabilire la residenza nel Comune dove è ubicato l’immobile ai fini dell’agevolazione prima casa

Abbiamo già visto che in caso di interventi strutturali, per richiedere il Superbonus 110 % puoi solamente presentare in Comune la CILAS e non più la SCIA e che non è più necessario che riporti l’attestazione dello stato legittimo dell’immobile.

Tuttavia, il Superbonus 110 può essere revocato nei seguenti casi:

  • Mancata presentazione della CILAS
  • Realizzazione dei lavori in difformità dalla CILAS
  • Assenza dell’attestazione del titolo abilitativo o dell’epoca di realizzazione dell’edificio
  • Comunicazione di attestazioni non veritiere

Inoltre, il Decreto Semplificazioni specifica che per i lavori di edilizia libera è necessaria solamente la descrizione dell’intervento, mentre per le modifiche in corso d’opera basterà dare comunicazione a fine lavori, integrando la CILA già presentata.

Un’altra novità da sottolineare è quella che riguarda la deroga alla distanza per il cappotto termico e il cordolo sismico che non sarà più soggetta ai limiti previsti dall’articolo 873 del Codice Civile.

Infine, qualora tu stia effettuando lavori di ristrutturazione che prevedono interventi di riqualificazione energetica incentivati con il Superbonus potrebbe farti comodo sapere che hai a disposizione 30 mesi di tempo dalla stipula dell’atto di compravendita, e non più 18, per il trasferimento della residenza.

Superbonus e infissi: novità e come ottenere l’incentivo

In tema di infissi ad apportare un’importante novità non è stato tanto il Decreto Semplificazioni quanto una risposta dell’Agenzia delle Entrate, successivamente avvalorata anche dall’Enea.

Secondo il Fisco, infatti, in una ristrutturazione di un immobile residenziale unifamiliare, in cui vengono eseguite sia opere strutturali, con ridistribuzione degli spazi interni, sia lavori di riqualificazione energetica, la sostituzione degli infissi può beneficiare del Superbonus 110 come intervento trainato.

Questo significa che nel caso tu voglia cambiare i tuoi vecchi infissi potrai usufruire dell’agevolazione anche se le nuove finestre avranno una superficie diversa, purché venga rispettato il principio del risparmio energetico, ossia a fine lavori la superficie totale dovrà essere minore o uguale di quella precedente.

Questo perché il legislatore ha voluto sottolineare l’importanza del miglioramento dell’immobile sotto il profilo dell’efficienza energetica.

Tant’è che una delle condizioni per poter accedere al bonus per la sostituzione degli infissi è quella che gli interventi effettuati devono garantire all’intero stabile il miglioramento di almeno due classi energetiche di riferimento o, dove non è possibile, il conseguimento della classe energetica più alta.

Ricorda, infine, che per beneficiare delle detrazioni legate al Superbonus 110 la sostituzione delle finestre deve essere effettuata insieme ad uno dei lavori trainanti:

  • Per l’isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali o inclinate che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25%, vale a dire per il cosiddetto cappotto termico;
  • Per la sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale esistente con impianti (centralizzati o meno) a condensazione, in pompa di calore o geotermici;
  • Per gli interventi antisismici utili a mettere in sicurezza gli edifici ad alto rischio sismico.

Qualora tu non abbia la necessità di effettuare uno dei lavori che la normativa richiede per accedere al Superbonus hai comunque la possibilità di sostituire i tuoi vecchi infissi avvalendoti dell’Ecobonus con sconto diretto in fattura del 50%.

Grazie al servizio dedicato offerto da WnD puoi avvalerti di un consulente specializzato nella gestione delle pratiche relative agli incentivi statali. Avrai al tuo fianco un professionista sempre aggiornato sulle ultime novità delle normative, in grado di aiutarti a scegliere la soluzione più adatta alle tue esigenze e che si occuperà di gestire l’intero iter burocratico per accedere al Superbonus (o all’Ecobonus).

Ristrutturazione Superbonus e decreto semplificazioni

Porta finestra e finestra Square Plus di WnD

Quali infissi rientrano nel Superbonus 110?

La risposta a questa domanda è piuttosto semplice: tutti gli infissi WnD possiedono i requisiti tecnici per poter usufruire degli incentivi statali.

Questo perché tutti i serramenti sono progettati e realizzati per migliorare l’efficienza energetica della tua abitazione, rispettando gli standard richiesti agli edifici di oggi.

Ne è un esempio Konfortline, la finestra in PVC firmata WnD che riesce ad offrire ottime prestazioni di isolamento termico e una perfetta tenuta agli agenti atmosferici pur avendo profili sottili e ampie vetrocamere – in grado di inondare gli ambienti di luce naturale.

Non solo Konfortline: tutti gli infissi WnD presentano caratteristiche particolarmente interessanti sotto il profilo dell’isolamento termoacustico e della salubrità degli ambienti domestici come:

  • Guarnizioni a lunga durata realizzate con elastomeri termoplastici, particolarmente adatti a garantire una perfetta tenuta anche dopo molti anni
  • Vetrocamere riempite con gas Argon, per ridurre ulteriormente le dispersioni di calore
  • Profili in PVC in Classe S, in grado di resistere a condizioni climatiche particolarmente severe
  • Certificazione VOC, che attesta l’assenza in tutti i prodotti WnD di sostanze volatili nocive per la salute e per l’ambiente

Le finestre in PVC WnD, quindi, hanno tutte le carte in regola per poter usufruire del Superbonus 110. Non a caso possono vantare anche una garanzia di 10 anni che ne attesta l’affidabilità nel tempo e l’alta qualità dei materiali utilizzati.

La solidità strutturale che caratterizza i serramenti WnD contribuisce inoltre ad aumentare la loro capacità di isolare dalla temperatura esterna e a ridurre le dispersioni di calore verso l’esterno.

Un bel vantaggio non solo per poter usufruire degli incentivi statali, ma anche per risparmiare sui costi energetici legati al riscaldamento degli ambienti.

Quali semplificazioni per il Superbonus 110?

In questo articolo abbiamo visto come il Decreto Semplificazioni abbia introdotto importanti novità riguardanti il Superbonus 110.

In particolare per ottenere l’incentivo è stato stabilito che gli interventi agevolati potranno essere realizzati semplicemente tramite la presentazione della CILA (o CILAS – CILA SUPERBONUS).

Si tratta di una semplificazione che riduce notevolmente i tempi per l’avvio dei lavori. La sostituzione dell’attestazione di stato legittimo con la CILAS, infatti, consente di evitare le lunghe attese legate all’accesso alla documentazione degli archivi edilizi dei Comuni.

Inoltre, il Decreto prevede che potranno godere dell’incentivo anche gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche realizzati per favorire la mobilità alle persone portatrici di handicap e a quelle di età superiore a 65 anni; inoltre consente l’accesso alle detrazioni a nuove categorie catastali.

Questo significa che si hanno maggiori possibilità di poter sfruttare il Superbonus 110 per la sostituzione dei vecchi infissi, come intervento trainato, e che i tempi e le pratiche burocratiche necessarie sono stati sensibilmente ridotti.

Del resto con WnD beneficiare delle agevolazioni è sempre molto facile!

Sarà lo stesso rivenditore che ad occuparsi di gestire tutto l’iter: dalla verifica dei requisiti utili per accedere al Superbonus 110 fino alla predisposizione di tutta la documentazione necessaria.

Non ti resta dunque che trovare il rivenditore WnD più vicino a te o richiedere una consulenza online e iniziare a scegliere gli infissi che più si adattano alle tue esigenze!

Ristruttura senza preoccupazioni grazie all’esperienza WnD!

RICHIEDI PREVENTIVO

Lascia un commento